40 anni di London Calling e Piacenza diventa international

1 dicembre 2019: una domenica grigia e piovosa, di quelle i cui il divano e la tv sono spesso una compagnia fin troppo allettante, ma…

…presso Alphaville, storico negozio di musica e cinema, viene organizzato un evento senza precedenti per Piacenza: in occasione del 40esimo anniversario della pubblicazione di London Calling, album dei Clash diventato una pietra miliare nella musica punk e non solo, si tiene il Reimagine London Calling-Nove band reinterpreteranno le tracce del disco in un lungo live della durata di 83 minuti. A presenziare all’evento, organizzato da Alphaville grazie alla collaborazione con Fred Perry e con la presenza e l’organizzazione delle riprese video e foto di Ima Radio & Tv, un ospite d’eccezione: Don Letts, londinese di origini giamaicane, è una vera e propria leggenda, una figura chiave del reggae e del punk e della geniale contaminazione tra i due generi. Regista, disk Jokey, videomaker e produttore, Letts ha seguito i Clash nella loro evoluzione artisticamente più matura.

-Rosanna Marinelli

Seguiamo quindi la cronaca di una giornata così ricca di emozioni.

Il pubblico comincia ad arrivare alla spicciolata verso le 16, circa mezz’ora prima che l’evento abbia ufficialmente inizio. Don Letts, riconoscibile dall’inconfondibile berretto rasta, si è già impossessato della consolle e ha dato il via a un dj set.
Verso le 16:30, con il negozio ormai assiepato di pubblico, ha inizio una lunga intervista della durata di un’ora, interamente ripresa da Ima Radio & Tv, durante la quale Letts ricorda il contesto storico sociale di Londra alla fine degli anni ’70, che fa da sfondo e da ispirazione ai Clash per la nascita di un album così particolare come London Calling.

Al termine, il tempo per le foto di rito con il pubblico e la firma di autografi sulle copie dell’album acquistato, e si dà il via al live: vengono sistemati strumenti e impianti per nove band che reinterpretano, ognuno secondo il proprio stile musicale, una scaletta dei brani più significativi, accompagnati da un pubblico che interagisce, apprezza e batte le mani, c’è anche qualcuno che accompagna i musicisti accennando movimenti a suon di musica…

Blugrana live @Reimagine London Calling, Alphaville

Per 83 minuti sembra quasi di essere trasportati, come per magia, lontano da Piacenza; fuori piove, ma Alphaville come per miracolo si è trasferita in una Swinging London alla fine degli anni ’70, delle cui contraddizioni i Clash si fecero interpreti attraverso il loro album. La potenza e la bellezza della musica è proprio questa: riuscire a distaccarsi dalla realtà ma anche poterla rivivere, reinventarla secondo un proprio stile, interrogarla e interrogarsi su di essa.

Poi verso le 19:30 la musica tace, lo spettacolo è finito e il pubblico lentamente si avvia verso l’uscita.

Grazie a Cecco e ai ragazzi di Alphaville e grazie a Ima Radio & TV che ha collaborato per rendere questo evento così particolare per Piacenza, qualcosa di indimenticabile.

Un’ultima considerazione: nella nostra città abbiamo bisogno di tutto questo, abbiamo bisogno di uscire dal nostro guscio, dalla nostra provincia, di alzarci dai nostri divani e di cercare stimoli , idee, emozioni!

-Rosanna Marinelli

Track List:

  • Nagual : The Guns of Brixton, Train in Vain
  • TeePeee: Spanish Bombs
  • Betty Blue: Jimmy Jazz, Clampdown, Death of Glory, Lover’s Rock
  • Kubri : London Calling
  • John Belpaese: Rudie Can’t Fall, The Card Cheat
  • Operation Octopus: Brand New Cadillac
  • Blugrana: Lost in the Supermarket
  • The Legendary Kid Combo: Hateful, Revolution Rock
  • Cellamare/ Mr. Pizza: Wrong’em Boyo, Koka Kola