Hypersonic: come il nuovo album dei LTE sfonda la barriera del suono

Il super gruppo strumentale Liquid Tension Experiment ritorna. Dopo più di due decenni, i membri Mike Portnoy, Tony Levin, Jordan Rudess e John Petrucci si sono riuniti con un’incredibile uscita in arrivo il 16 aprile 2021.

La band inizia il proprio percorso nel 1997 quando Mike Portnoy crea il concept invitando il tastierista Jordan Rudess ed il bassista Tony Levin (King Crimson) a partecipare. Successivamente, dopo una ricerca tra tanti chitarristi della scena progressive si unisce al trio John Petrucci.

Nel 1998 il quartetto pubblica l’album omonimo, e firma un contratto con la Magna Carta Records a cui ha fatto seguito nel 1999 Liquid Tension Experiment 2. La band riscuote un grande successo, tant’è che Rudess allo stesso tempo entra a far parte dei Dream Theater in pianta stabile.

Qui ci fu la prima interruzione del progetto Liquid Tension Experiment, poiché essendo tre quarti della formazione membri dei Dream Theater le sonorità sarebbero state troppo simili.

Passano un po’ di anni e Mike Portnoy decide di uscire dai Dream Theater per abbracciare nuove realtà, a partire dagli Avenged Sevenfold, Twisted Sister e Stone Sour. Fondamentale ricordare questo passaggio perché proprio l’anno scorso, dopo 10 anni, Mike Portnoy riallaccia i rapporti con gli altri componenti dei Liquid Tension Experiment (e quindi anche Dream Theater) e a gennaio annunciano il ritorno ufficiale in studio.

Il commento del chitarrista John Petrucci:

“Sono passati oltre 20 anni da quando abbiamo registrato qualcosa assieme ma quando tutti e quattro siamo rientrati in studio è sembrato come se il tempo non fosse mai trascorso. Tutta la magia racchiusa nei primi due album era ancora lì ed è stato fantastico produrre di nuovo assieme. Sono veramente orgoglioso di quello che abbiamo creato e non vedo l’ora che lo possiate ascoltare tutti.”

A sostenere questo nuovo sodalizio il  commento del batterista Mike Portnoy:

“La cosa più bella di questo interminabile anno è stata la tanto attesa reunion! Ne è valsa la pena attendere tutti questi anni, la chimica tra di noi c’è ancora ed è più forte che mai.”

Nonostante il disco non sia ancora uscito la band ha rilasciato sul canale youtube Inside out music Tv alcuni video dei brani che faranno parte di questo album: The Passage Of Time, Beating The Odds e Hypersonic.

Hypersonic (brano di apertura) rappresenta il manifesto di quello che sarà LTE3.

Il brano si muove “oltre barriera del suono” come suggerisce il titolo. Si apre con una introduzione lunga, nella quale i membri della band non nascondono le loro capacità (nonostante l’età). Di pari passo con la bravura tecnica abbiamo una varietà di suoni molto moderni accostati a una ritmica complessa.

LTE3 si presenta come quella novità che 20 anni fa ha segnato un’epoca per il progressive metal, ma degli anni 2020, con sonorità più moderne. E poi, Portnoy di nuovo con Petrucci e Rudess farà sicuramente scendere qualche lacrima ai fan di lunga data dei DT.

Quest’album ha tutte le premesse per essere un nuovo punto di riferimento e segnare una nuova pietra miliare nella scena di questo genere. Non ci resta che aspettare l’uscita del disco per dare un ascolto più approfondito… ci aspettiamo davvero tanto da questi quattro intramontabili geni musicali.

-Vittoria Ipri