Thom Yorke consiglia di ascoltare DeAndrè: una playlist che ci fa sperare

In tempi di pandemia anche il mondo della musica ha dovuto gestire il proprio modo di rimanere in contatto con il pubblico; se concerti, live, festival ed esibizioni dal vivo sono slittati al 2021, non è pensabile per gli artisti rimanere fermi e rischiare così di perdere visibilità, di vanificare l’impegno e quanto era nei loro progetti fino al gennaio dell’anno in corso.

Delle varie iniziative durante il lockdown ne abbiamo già parlato nell’articolo La musica ai tempi del Coronavirus; tra i vari artisti che, attraverso Youtube, hanno messo in streaming loro concerti vanno ricordati i Radiohead.

Il loro leader, Thom Yorke, non è però rimasto inoperativo; se il tour previsto con unica data in Italia al Lorenzini District a Milano è slittato al prossimo anno, il musicista ha voluto condividere con i  propri fans due delle tre playlist previste che gli sono state richieste da Sonos Radio, nelle quali raccogliere le sue influenze musicali e gli artisti preferiti, rivelando così al pubblico le proprie fonti di ispirazione e la direzione che potremo intravvedere prossimamente nei suoi futuri lavori.

In Absence Thereof vol.1 e In Absence Thereof vol.2 raccolgono tracce di  Duke Ellington, Holly Herndon, James Blake, Little Simz, Thee Oh Sees, John Lennon e tanti altri, tra cui la cantautrice siciliana Rosa Balistrieri, scomparsa nel 1990, di cui possiamo ascoltare Ciuriddi di lu chianu.

Le sorprese però non finiscono qui, perchè nella seconda playlist, a tenere compagnia a Frank Sinatra, Kim Gordon,Gaelic Psalm Singer, Ursula Bogner, Jon Gibson, Kelly Moran e altri ancora, troviamo due brani di Fabrizio De Andrè : Primo Intermezzo e Cantico dei drogati.

Una piacevolissima sorpresa che ci viene confermata dalle parole di Dori Ghezzi, che ha dichiarato in una recente intervista di aver conosciuto il frontman dei Radiohead a Roma nel luglio dello scorso anno, al termine di un suo concerto. Yorke avrebbe intenzione di approfondire la conoscenza delle canzoni di De Andrè, di cui sta studiando i testi grazie alla traduzione della sua compagna, l’attrice Daiana Roncione, a cui deve anche la conoscenza della Balistrieri.

A questo punto confidiamo, insieme a Dori Ghezzi, che questa playlist non sia che l’inizio di un progetto artistico che veda una reinterpretazione della musica di Fabrizio De Andrè da parte di Thom Yorke.

Rosanna Marinelli