“Una”: il nuovo album dei Pertegò che canta al cuore

Una è il nuovo album dei Pertegò, un disco intimo ma universale che pizzica le corde dell’anima.

 

Una non è un disco, è puro sentimento. Dopo anni a scrivere musica con diversi album alle spalle, questo lavoro rappresenta ogni singolo e sentito stato d’animo provato e vissuto negli ultimi 3 anni. In questo periodo di così grande difficoltà, di dolore e forti sentimenti, solo il dedicarsi a questo progetto e alla scrittura di questo album ha potuto curare le profonde ferite. Una parla di sofferenza nel lasciare chi si ama per una scomparsa prematura, di chi è cresciuto con te nel corso degli anni e che ha lasciato un segno e ha rappresentato una parte di te per sempre. Ma in tutto questo dolore si prova a fare un passo in avanti nel comprendere la vita in un significato più grande. Lo spirito si eleva e trascende ogni cosa, la vita ritorna e capisci che non ci ha mai lasciato. Chi resta e chi non c’è più sono sempre uniti per sempre nella stessa trascendenza e vivono all’unisono, divisi solo dal tempo e dalla forma di esistenza fino alla fine, quando ci si incontrerà al ponte dell’arcobaleno.”

 

Con queste parole Khristian Scott, leader e fondatore del progetto Pertegò, nonché mente e ideatore insieme ad Anub1 (Manuel Bongiorni), descrive il nuovo album Una, in uscita il 7 ottobre 2021.

Una è il frutto del lavoro e della collaborazione di Khris (voce, chitarre e tastiere) e Anub1 (chitarre, tastiere e mixaggio).

Fare una recensione di un disco simile è un compito tutt’altro che semplice: occorre mettersi in uno stato di ascolto, non solo della musica e della voce di Khristian, che fraseggia ogni istante della storia che racconta con delicatezza e sentimento, accompagnato dalla chitarra e dalle tastiere di Anub1, ma anche di sé stessi e del proprio vissuto.

Questo perché Una ha il pregio di realizzare un vero e proprio ponte tra le emozioni che permeano il disco ed il nostro stesso “sentire”: la musica, dolce senza essere stucchevole, con alcune note epiche e trionfali (King of Dream ne è un esempio), ci guida verso il nostro stesso mondo interiore, un universo fatto di ricordi che lasciano il segno, momenti belli e brutti, ferite aperte e cicatrici; il “paesaggio” che riflette il vissuto di ognuno di noi è unico nel suo mostrarsi e nel suo nascondersi, e rispecchia chi siamo davvero nel profondo, oltre le maschere che indossiamo ogni giorno. Questo grandioso e intimo mondo che vive nel nostro cuore è l’interlocutore della voce di Khristian e della musica di Una, che trova la sua massima realizzazione nell’ascolto dei sentimenti più che delle parole.

L’atmosfera dell’album è onirica e pagana: un tribalismo delicato e discreto guida lo svolgersi della matassa fin dal primissimo pezzo Loto e il proseguire del disco incede a ritmo cadenzato, accompagnato dalle sonorità post-rock a cui il gruppo ci ha abituati. I pezzi alternano momenti più cupi e sacrali, come in Transcence, a passaggi più allegri e giocosi, ricchi di affetto e malinconia, come in Moonchild ed in Una. I will wait for you at the rainbow bridge è un pezzo pregno di sofferenza ma anche di quella volontà di superare il dolore in nome di qualcosa più grande di noi e della nostre vite terrene.

L’accettazione del trauma arriva in Stream of Life, dopo un percorso fatto di difficoltà ma anche di supporto e di amore, che è davvero il sentimento che impregna maggiormente le note e le parole del disco (basti pensare ad un pezzo come J).

https://pertego.bandcamp.com/track/una-preview?fbclid=IwAR0OQyshlhmFbdZ3dUqLy1bw1rAY8fEgKSsxIXfSquw5iE9C_ptexCMQTRw

Una è una storia di amicizia, di distacco, di lutto e di accettazione della circolarità della vita. Ma è soprattutto una storia d’amore, quell’amore puro e disinteressato che dona all’infinito senza chiedere nulla in cambio, e che continua a donare e ad arricchirci anche dopo che le nostre forme materiali cessano di esistere in quanto corpi e trascendono i legami terreni, diventando così spirito e parte indissolubile dell’universo fuori e dentro di noi.

L’esperienza della perdita di un affetto di tale importanza è qualcosa che la maggior parte delle persone provano nel corso della vita, e ti cambia per sempre… per questa ragione Una è un album che parla al cuore più che alle orecchie, ed è con il cuore che occorre ascoltarlo, sentirlo e recensirlo.

Potrete conoscere la storia di Una dal 7 ottobre, in digitale su Bandcamp e in copia fisica a tiratura limitata presso Alphaville Piacenza, mentre il music video di J sarà online dall’11 ottobre.

Ascoltatelo, non ve ne pentirete.

-Ilaria Tagliaferri